Tutto è nato dagli scioperi portati avanti proprio di venerdì dalla sedicenne svedese Greta Thunberg. Questa ragazza è diventata famosa in tutto il globo perché ha iniziato, da sola, a protestare con cartelli davanti al parlamento svedese il 20 agosto 2018 per chiedere più attenzione al problema dell’inquinamento, dei gas serra e del riscaldamento globale. Da allora, ogni venerdì salta la scuola per rinnovare il suo “sciopero”.

All’inizio era da sola, ma Greta ha continuato la sua protesta sui social network, coniando lo slogan #fridayforfuture e lanciando la sua protesta su scala globale. Il ministro australiano Scott Morrison è dovuto intervenire ufficialmente perché la protesta era diventata virale. Greta ha appena partecipato alla Cop24, la ventiquattresima conferenza sul clima che si è tenuta a Katovice e oggi è candidata al premio Nobel per la Pace. Intanto il movimento #fridayforfuture cresce, estendendosi – seppur in forma minore – in Germania, Olanda, Finlandia, paesi in cui è maggiore la sensibilità sulle questioni ambientali.

Foto: TT News Agency / AF

Dall’azione di Greta, in 1.659 città di 150 Paesi, venerdì 15 marzo migliaia di studenti sciopereranno da scuola per difendere il clima e l’ambiente. Ai vari scioperi previsti nel mondo ci si aspetta una grande affluenza: lo scorso 24 gennaio furono 30mila gli studenti scesi in strada in Belgio e 10mila in Germania. I coordinatori invitano a postare foto, video e materiale multimediale usando gli hashtag #Fridaysforfuture e #Climatestrike.

Il tema della difesa della terra è sempre più al centro dell’attenzione dell’opinione pubblica mondiale. L’inquinamento provoca più di un quarto delle malattie e delle morti nel mondo: l’allarme è stato lanciato dall’Onu nel Global Environment Outlook (GEO), il rapporto sullo stato del pianeta.

Pochi giorni fa è intervenuto sul tema anche il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che ha detto, ricordando la tragedia del Vajont: “La crisi climatica è globale”. Venerdì, si manifesterà anche in Italia: 178 sono i cortei previsti, da nord a sud. Ecco la mappa dei cortei.