È il nostro petrolio, sono le eccellenze del mare italiano. 183 Comuni italiani hanno ottenuto la Bandiera Blu per il 2019, otto in più contro i 175 dello scorso anno. Il totale delle spiagge premiate dalla 33esima edizione del premio sale a 385 lidi, oltre a 72 approdi.

In Italia c’è circa il 10% delle spiagge premiate a livello mondiale.

Escono dalla lista quattro comuni: Porto San Giorgio (Marche, Fermo); Porto Sant’Elpidio (Marche, Fermo); Rodi Garganico (Puglia, Foggia) e Melendugno (Puglia, Lecce).

Queste invece sono le ‘new entry’ del 2019: Villalago (Abruzzo, L’Aquila, lago di Scanno); Pisticci (Basilicata, Matera); San Nicola Arcella (Calabria, Cosenza); Villapiana (Calabria, Cosenza); Anzio (Lazio, Roma); Imperia (Liguria, Imperia); Riva Ligure (Liguria, Imperia); Sanremo (Liguria, Imperia); Gabicce (Marche, Pesaro Urbino); Maruggio (Puglia, Taranto); Sant’Antioco (Sardegna, Carbonia-Iglesias); Pozzallo (Sicilia, Ragusa).

Maruggio, Taranto. Foto: Stock.Adobe.com
Maruggio, Taranto, Puglia. Foto: Stock.Adobe.com

Tra le regioni, domina la Liguria, che sale a 30 località con tre nuovi ingressi (Imperia, Riva ligure e Sanremo) e guida la classifica. Segue la Toscana con 19 località mentre la Campania resta a 18 Bandiere. Seguono con 15 località le Marche, che perdono due Bandiere ma segnano un nuovo ingresso (Gabicce). La Sardegna è presente con 14 località con la novità dell’isola di Sant’Antioco mentre la Puglia conquista una nuova località (Maruggio) e raggiunge 13 Bandiere perdendone due. La Calabria sale a 11 con due new entry (San Nicola Arcella e Villapiana). Anche l’Abruzzo cresce a 10 con l’ingresso di Villalago, sul lago di Scanno. Il Lazio arriva a 9, con la nuova entrata Anzio, il Veneto conferma 8 riconoscimenti, l’Emilia Romagna i suoi 7, come la Sicilia che ne guadagna una (Pozzallo) passando appunto a 7 Bandiere. La Basilicata va a 5 con un nuovo ingresso (Pisticci) e il Friuli Venezia Giulia conferma le due Bandiere dell’anno precedente. Chiude il Molise con una Bandiera.

Sant'Antioco, Carbonia Iglesias, Sardegna. Foto: Stock.Adobe.com
Sant’Antioco, Carbonia Iglesias, Sardegna. Foto: Stock.Adobe.com

I riconoscimenti sono assegnati dalla ong danese Fee, Foundation for Environmental Education. La procedura di certificazione segue la norma Uni-En Iso 9001:2015. Primo elemento sono ovviamente i risultati delle analisi effettuati da Arpa (Agenzie regionali per la protezione dell’ambiente), poi ci sono altri 32 indicatori che vengono aggiornati periodicamente come l’esistenza e il grado di funzionalità degli impianti di depurazione, gli allacci fognari, la gestione dei rifiuti, la raccolta differenziata, la gestione di quelli pericolosi, le iniziative delle amministrazioni per una migliore vivibilità nel periodo estivo, la valorizzazione delle aree naturalistiche eventualmente presenti sul territorio, la cura dell’arredo urbano (piste ciclabili, zone pedonali).

La lista completa delle Bandiere Blu – clicca qui

Rodi Garganico
Rodi Garganico, Puglia