“A me me piace ‘o blues e tutt’ ‘e juorne aggia cantà.” Era il 1980 e Pino Daniele regalava al mondo intero l’emozione del blues in chiave italiana. O Napoletana, per meglio dire. Un anno fa, a 59 anni e dopo trenta di musica e accordi, Pino Daniele ci lasciava un patrimonio musicale enorme, che lo identifica come uno degli artisti italiani più prolifici. Fino alla fine legato alle sue canzoni e al suo pubblico, a dicembre 2014 aveva portato in scena per l’Italia l’ultimo tour “Nero a metà”, con cui aveva fatto tappa, ovviamente, anche nella sua Napoli. E poi l’ultima apparizione in pubblico in L’Anno che verrà, il tradizionale appuntamento di Rai1 per festeggiare il 2015, in cui Pino Daniele ha aperto e chiuso la serata. Di lui ci restano perle inestimabili e collaborazioni memorabili. Come quando nel 1991, con “Quando”, firmò la colonna sonora di “Pensavo fosse amore … invece era un calesse” dell’amico Massimo Troisi. Una canzone ed un film destinati a fare la storia, figli di due artisti napoletani uniti da un profondo vincolo di fratellanza e dal comune destino di un cuore tanto debole quanto grande. Tanti gli artisti con cui si è cimentato in duetti memorabili, come quando nel 2011 regalò ai suoi fans il live di “Napule è” in duetto con Eric Clapton. Noi di FACE Magazine abbiamo scelto di ricordare Pino Daniele con alcuni dei suoi pezzi più famosi, accompagnati da versi che appartengono alla storia della musica italiana.

“A me me piace ‘o blues e tutt’ ‘e juorne aggia cantà.”  A me me piace ‘o blues, 1980.

.

“Sai che mi piaci quando parli così in fretta, sembra che mastichi le nuvole…” Io per lei, 1995

.
“Sienti fa accussì, nun da’ retta a nisciuno; fatte ‘e fatte toie ma si hai ‘a suffrì caccia ‘a currea.” Yes, I know my way, 1981.

.
“Noi che abbiamo un mondo da cambiare | noi che ci emozioniamo ancora davanti al mare.”  Anna verrà, 1989.

.
“E vivrò, sì vivrò tutto il giorno per vederti andar via, fra i ricordi e questa strana pazzia e il paradiso, che non esiste, chi vuole un figlio non insiste”. Quando, 1991.

..“Napule è mille culure , Napule è mille paure, Napule è a voce d’ ‘e criature, che saglie chiano chianu, e tu saje ca nun si sulo.” Napule è, 1977.

,
“Masaniell è crisciut eeh, Masaniell è turnat, Je so pazz aaah, Je so pazz e un ci scassat ‘o cazz!”. Je so’ pazzo, 1979.

.
“E te sento quanno scinne ‘e scale ‘e corza senza guarda’ e te veco tutt’e juorne ca ridenno vaje a fatica’ ma mo nun ride cchiù”. Quanno chiove, 1980.

.
“E se hai la pelle nera amico guardati la schiena io son stato marocchino me l’han detto da bambino viva viva ‘o Senegal”. ‘O scarrafone, 1991.

114612759-459e6851-3a2e-470f-bd8d-b89b7075655d10. CALCIATRICI SIRIANE
Sono giovanissime e giocano a calcio, nei campi profughi in Siria. Nonostante la guerra e gli orrori dell’Isis, la vita va avanti. Anche nello sport.

.

71marino-mini-dentro234