La pizzica, la musica tradizionale salentina incontra altri linguaggi musicali, dalla world music al rock, dal jazz alla musica sinfonica. Ogni anno in migliaia arrivano in Salento per La Notte de la Taranta e Melpignano ospita, come da tradizione, la serata finale che chiude il festival itinerante tra i più longevi e partecipati d’Italia e d’Europa.

Sabato scorso erano in 200.000 davanti al Convento degli Agostiniani. Sul palco sono saliti, tra gli altri, Elisa, Gué Pequeno, Enzo Avitabile, Salif Keita, il violinista Alessandro Quarta, il chitarrista Maurizio Colonna, con la grande orchestra della Notte della taranta.

Elisa. Credits: @LaNotteDellaTaranta

“È stato un grande successo anche in tv”, esultano gli organizzatori dopo il grande evento, giunto alla 22esima edizione, che ha fatto ballare fino a oltre le 2 di notte, fra sabato e domenica, gli appassionati arrivati da tutta Europa nella località in provincia di Lecce. La diretta dell’evento su Rai 2, in seconda serata ha registrato il 6,5 % di share, seconda sola alla programmazione di Rai 1. Sulla pagina Facebook, che conta 180 mila follower, la diretta del Concertone è stata seguita complessivamente da 1,5 milioni di utenti dalle 19.45 alle 2.30. Un successo anche sui social: l’hastag #taranta22 ha occupato il secondo posto tra i trending topic di Twitter per tutta la serata e sono stati 92.452 gli accessi al sito ufficiale dal 2 al 25 agosto.

Enzo Avitabile. @LaNotteDellaTaranta

È stato un intreccio di suoni e contaminazioni musicali per i 40 brani della scaletta. Sul palco si sono esibiti 21 musicisti dell’Orchestra Popolare, 18 professori della sinfonica Oles, 5 studenti del Conservatorio di Lecce, 18 ballerini per le 12 coreografie ideate da Davide Bombana. Non solo un maestro concertatore, ma assoluto trascinatore sul palco, il Mo Fabio Mastrangelo, direttore musicale della Russian philharmonic di Mosca, ha diretto l’Orchestra popolare e l’orchestra sinfonica Oles di Lecce.
Battiti di mano, salti, colpi sui tamburelli: l’appuntamento è per il prossimo agosto 2020.

Ecco alcuni dei momenti clou dello spettacolo, tratti dal canale ufficiale Youtube del Festival.