La giuria presieduta da Guillermo Del Toro ha deciso. Roma, il film di Alfonso Cuaron, prodotto da Netflix, è il Leone d’Oro 2018. Il Leone d’Argento va a Yorgos Lanthimos, Gran Premio della Giuria per il suo The Favourite. Il Gran Premio per la miglior regia è per Jacques Audiard per The Sisters Brothers. Il Miglior attore è William Dafoe che in At eternity’s gate di Julian Schnabel è Vincent Van Gogh mentre la Coppa Volpi per la miglior attrice viene assegnata a Olivia Colman che in The Favourite interpreta una regina Anna claudicante e bipolare in un film che vede co-protagoniste due cortigiane d’eccezione: Emma Stone e Rachel Weisz. L’Osella alla miglior sceneggiatura va ai fratelli Joel ed Ethan Coen.

The nightingale vince il Premio Speciale della Giuria. Il film è diretto dall’unica regista donna in concorso, Jennifer Kent, vittima durante la conferenza stampa di insulti sessisti che hanno fatto il giro del mondo. L’Italia resta a bocca asciutta, nessun premio ai suoi tre film in concorso: Suspiria di Luca Guadagnino, Capri-Revolution di Mario Martone e Che fare quando il mondo è in fiamme? di Roberto Minervini.

- PUBBLICITÀ - 

TUTTI I PREMI DI VENEZIA 75

Leone d’Oro miglior film:
ROMA di Alfonso Cuaron

Leone d’Argento Gran Premio della Giuria:
The Favourite di Yorgos Lanthimos

Leone d’Argento miglior Regia:
Jacques Audiard per The Sisters Brothers

Coppa Volpi migliore attrice:
Olivia Colman per The Favourite di Yorgos Lanthimos

Coppa Volpi migliore attore:
Willem Dafoe per Van Gogh – At Eternity’s Gate di Julian Schnabel

Premio per la miglior sceneggiatura:
Joel e Ethan Coen, per The Ballad of Buster Scruggs

Premio Speciale della Giuria:
The Nightingale di Jennifer Kent

Premio Marcello Mastroianni miglior attore emergente:
Baykali Ganambarr per The Nightingale di Jennifer Kent

Leone del Futuro, Premio Luigi De Laurentiis per un’Opera Prima:
The DayI Lost My Shadow, di Soudade Kadaan

Premio Orizzonti per il miglior film:
Manta Ray di Phuttiphong Aroonpheng

Premio Orizzonti miglior regia:
Emir Baigazin, di Ozen (The River)

Premio Speciale della giuria Orizzonti:
Anons di Mahmut Fazil Coskun

Premio Orizzonti per la migliore attrice:
Natalya Kudryashova, per The Man Who Surprised Anyone di Natasha Merkulova e Aleksey Chupov

Premio Orizzonti per il migliore attore:
Kais Nashif, per Tel Aviv on Fire di Sameh Zoabi

Premio Orizzonti per la miglior sceneggiatura:
Pema Tseden per Jinpa, di Pema Tseden

Premio Orizzonti per il miglior cortometraggio:
Kado, di Aditya Ahmad

Premio Venezia Classici per il miglior film restaurato:
La notte di San Lorenzo, di Paolo e Vittorio Taviani

Premio Venezia Classici per il miglior documentario sul cinema:
The Great Buster: A Celebration, di Peter Bodganovich

Venice Virtual Reality – Miglior VR:
Spheres, di Eliza McNitt

Venice Virtual Reality – Miglior Esperienza:
Buddy VR, di Chuck Chae

Venice Virtual Reality – Miglior storia:
L’ile des mortes, di Benjamin Nuel