Si chiude sabato 29 maggio a Largo venue la seconda edizione del progetto che racconta le donne che hanno scritto la storia della scienza. Con una mostra, incontri e laboratori, ad ingresso libero. Un progetto: Prenestepop e FACE Magazine.it.

Si è aperta il 15 maggio e prosegue fino a sabato 29 maggio a Largo Venue di Roma ‘Scienza, Sostantivo Femminile’. Dopo aver raccontato – nella prima edizione – le Protagoniste italiane dal ‘900 a oggi, il progetto targato Prenestepop e FACE Magazine.it illustra, in questa seconda annualità, dal 15 al 29 maggio, alcune delle figure femminili che si sono distinte in ambito scientifico dall’Età Antica fino all’Ottocento, in Italia e nel mondo. Come Ipazia di Alessandria, simbolo di emancipazione e indipendenza della donna, oltre che martire del paganesimo e del dogmatismo fondamentalista; Caroline Herschel, prima donna nella storia a scoprire nel 1786 una cometa; Laura Bassi, prima donna al mondo a ottenere una cattedra universitaria; Marie Curie, l’unica donna a ricevere due Premi Nobel in due differenti materie scientifiche; Maria Montessori, la madre del celeberrimo metodo Montessori, nonché volto delle vecchie mille lire.

La storia delle donne nella cultura e nella vita civile è stata una lunga storia di eccellenza ma anche di emarginazione. Dopo secoli, molto è cambiato, ma il Gender Gap, soprattutto nello studio delle discipline scientifiche è ancora importante.
Curatrice e autrice dei testi della mostra è la dottoressa Giovanna De Simone, post-doc presso il Laboratorio di Biochimica del Dipartimento di Scienze dell’Università Roma Tre. Responsabile di Progetto è Mauro Orrico, direttore editoriale di FACE Magazine.it e organizzatore di eventi culturali. Il progetto, promosso da Roma Culture, è vincitore dell’Avviso Pubblico Eureka! Roma 2020-2021-2022 curato dal Dipartimento Attività Culturali ed è realizzato in collaborazione con SIAE.

Alcuni momenti dell’inaugurazione. Foto: Matteo Casilli
La mostra

La mostra è aperta tutti i giorni dal 15 al 29 maggio 2020, dalle ore 15 alle 19.
Gli ingressi sono contingentati nel rispetto delle misure anti-Covid; la prenotazione non è obbligatoria; è necessario indossare la mascherina; all’ingresso verrà misurata la temperatura. L’ingresso è gratuito.

Calendario Incontri

Mercoledì 19 maggio | h 18.30
Dalla Generazione X alla Generazione Z: diventare adulti con i femminismi
– Giulia Blasi, scrittrice
– Emiliana Pinna, fumettista e attivista

Venerdì 21 maggio | h 18.30
Dalla Dea Madre ai nostri giorni: rilettura del femminile
– Associazione Nuova Scuola Pitagorica
– Dott.ssa Rosa Brancatella

Venerdì 28 maggio | h 18.30
Il femminile nella scienza: donne e cura dall’Età Antica all’Ottocento
– Prof.sa Roberta Fidanzia, Presidente del Centro Studi Femininum Ingenium
– Teresa Lamanna, linguista

Sabato 29 maggio | h 18.30
Contro i corpi delle donne: genere, sessualità e violenza nel fumetto e nella cultura pop
– Elisabetta Di Minico, docente di Storia del Fumetto presso lo IULM di Milano e ricercatrice specializzata in distopia, controllo e violenza
– Salvatore di Maio, libraio Ubik

Laboratori didattici
La dott.ssa Silvia D’Orso. Foto: Matteo Casilli

I laboratori didattici sono rivolti alle scuole primarie e secondarie di Roma.
Si svolgeranno Sabato 15, Sabato 22 e Sabato 29 maggio e, su prenotazione, con visita alla mostra.
Per prenotare: 391.13.19.323.

• Laboratorio 1 •
“Estrazione della clorofilla e cromatografia su carta dei pigmenti fotosintetici”
Dott.ssa Giovanna De Simone

• Laboratorio 2 •
“Il cavolo rosso: indicatore naturale di pH”
Dott.ssa Silvia D’Orso

• Laboratorio 3 •
“La chimica dei cosmetici naturali – come creare un profumo in casa”
Dott.ssa Valentina Brandi

Info

Largo Venue, via Biordo Michelotti 2, Pigneto, Roma.
Tutte le attività sono ad ingresso gratuito, senza obbligo di prenotrazione e si svolgono nel rispetto delle norme anti-covid vigenti.