Le notizie sulla guerra in Ucraina di venerdì 12 gennaio. Massiccio bombardamento russo a Dnipro, Kharkiv e in altre regioni: almeno 4 morti. Attacco hacker di Kiev: una parte di Mosca senza internet e tv.

La Redazione

Ancora missili sull’Ucraina

Ancora vittime civili in Ucraina, finita nuovamente sotto un diluvio di missili russi in una fase della guerra marcata dall’estensione degli attacchi ucraini oltreconfine e in cui non si intravedono spiragli di pace. Il bilancio è di almeno 4 morti e diversi feriti. Mosca rivendica di aver utilizzato «missili a lunga gittata lanciati dal mare e da aerei, compresi i Kinzhal». I bombardamenti hanno anche causato nuovi danni alle reti elettriche nelle regioni di Donetsk, Kharkiv e Kherson.

Attacco hacker Kiev, una parte di Mosca senza internet e tv

Un gruppo di hacker ucraini, probabilmente con il supporto dell’intelligence, ha violato il provider internet di Mosca e ha demolito i server con il risultato che parte della capitale russa è rimasta senza internet e Tv. Lo hanno riferito fonti a Rbc-Ucraina aggiungendo che circa 20 terabyte di dati sono stati cancellati.

La protesta delle mogli dei soldati a Mosca

A Mosca, circa 50 donne si sono recate ieri davanti alle mura del Cremlino: hanno deposto garofani rossi sulla tomba del milite ignoto per chiedere il ritorno dei mariti, figli e compagni richiamati alle armi sul fronte ucraino. Secondo i numeri forniti dal presidente russo Vladimir Putin, sono 244 mila i richiamati alle armi su un totale di 617 mila unità impegnati nella guerra in Ucraina.

Kherson bombardata 112 volte in 24 ore

Due persone sono morte sotto i bombardamenti russi a Kherson. La città è stata bombardata ben 112 volte in 24 ore.

11 morti in attacco russo su Pokrovsk

Ci sono anche cinque bambini tra le 11 persone uccise da un attacco missilistico russo che ha colpito sabato la città di Pokrovsk, nell’Ucraina orientale. Lo ha dichiarato il governatore regionale, Vadym Filashkin, citato da Reuters.

Foto: LukasJohnns – Pixabay

«100 cittadini evacuati da Belgorod in Russia»

Oltre 100 residenti della città russa di confine di Belgorod sono stati evacuati in un’area più lontana dal confine ucraino, secondo quanto hanno dichiarato i funzionari locali. Gli attacchi ucraini del 30 dicembre hanno ucciso 25 persone e gli attacchi con razzi e droni sono continuati per tutta la settimana.

Missili coreani e iraniani alla Russia

Le industrie della Corea del Nord e dell’Iran hanno aumentato la produzione di missili per la Russa. Mosca amplierà così l’arsenale missilistico per alimentare la campagna contro l’Ucraina. L’asse bellico mette così insieme la Russia, Kim e gli ayatollah iraniani.